La produzione di laterizio Wienerberger ispirata al principio di sostenibilità Dnsh

Le scelte progettuali in ambito pubblico sono guidate sempre più dal principio Dnsh (Do No Significant Harm), che prevede che gli interventi realizzati grazie al Pnrr non arrechino danno significativo all’ambiente. Per questo sono fondamentali le consulenze tecniche.

Le scelte progettuali in ambito pubblico sono guidate sempre più dal principio Dnsh (Do No Significant Harm), che prevede che gli interventi realizzati grazie al Pnrr non arrechino danno significativo all’ambiente.

L'ingengere Francesca Ballestrazzi
II commento dell’ing. Francesca Ballestrazzi | 
Product management specialist Wienerberger Italia

Questo principio è fondamentale per accedere ai finanziamenti del Rrf (Recovery and Resilience Facility, tradotto in italiano come Dispositivo europeo per la Ripresa e la Resilienza). Inoltre, i progetti devono includere interventi che destinino almeno il 37% delle risorse alla transizione ecologica.

È evidente quindi che l’incentivo economico, oltre alla sensibilità dei committenti, guida la scelta dei materiali da costruzione verso aziende che dimostrano concretamente la propria attenzione alle tematiche ambientali.

L’impulso positivo del principio Dnsh, si manifesta già a partire dall’implementazione di processi produttivi virtuosi in termini di impatto ambientale. Le aziende del settore edile mirano a gestire le risorse in modo più efficiente, aumentando la produttività e riducendo gli sprechi, e a mantenere il più possibile il valore dei prodotti e dei materiali, evitando di dismetterli prima della fine d’uso e recuperandoli per reintrodurli nel sistema economico.

Questi aspetti costituiscono l’essenza dell’economia circolare messa in atto da Wienerberger Italia, che nell’ambito delle strategie Esg (Ambiente, Sociale, Governance) intende rendere le attività economiche più efficienti e meno impattanti per l’ambiente.

Il tema della sostenibilità ambientale è profondamente sentito all’interno dell’azienda e coinvolge tutte le fasi del ciclo di produzione dei nostri laterizi, dalla scelta delle materie prime alla posa in opera del prodotto finito.

Il percorso di Wienerberger verso la sostenibilità è dettato dalla strategia Esg (Environmental, Social, Governance) e si basa su tre pilastri fondamentali: #decarbonizzazione, #economia circolare e #biodiversità. L’intento è quello di fornire soluzioni per l’edilizia che si contraddistinguano per innovazione e prestazioni elevate e, al contempo, contribuiscano a ridurre l’impatto sull’ambiente in maniera concreta e durevole, sin dal processo produttivo.

Tecnici al lavoro valutano dei laterizi
Le scelte progettuali in ambito pubblico sono guidate sempre più dal principio Dnsh (Do No Significant Harm), che prevede che gli interventi realizzati grazie al Pnrr non arrechino danno significativo all’ambiente. Per questo sono fondamentali le consulenze tecniche.

Nel rispetto dei Cam (Criteri Ambientali Minimi) Wienerberger utilizza materie prime seconde (derivanti dal recupero e dal riciclaggio di altre lavorazioni) nel proprio ciclo produttivo. Per i laterizi, è previsto un contenuto di materiali riciclati di almeno il 15%, mentre nel nostro caso, riusciamo a raggiungere una percentuale del 20%, come attestato dalla certificazione Epd.

Questa certificazione è un’etichetta ambientale di tipo III che garantisce trasparenza e viene rilasciata da un organismo di certificazione esterno. L’Epd è basata su uno studio Lca (Life Cycle Assessment) che valuta l’intero ciclo di vita del prodotto, a partire dalla fase di estrazione dell’argilla.

Un edificio deve rispettare le schede di valutazione che considerano tutto il ciclo di vita dell’opera, dall’efficienza energetica all’impronta ecologica, fino alla durabilità e alla resilienza. È essenziale utilizzare soluzioni tecnologiche innovative e sostenibili, in conformità con i Criteri ambientali minimi (Cam).

Tecnici effettuano sopralluogo in una cava
Wienerberger | Sopralluogo in cava

La conformità di un edificio al principio Dnsh richiede una valutazione accurata degli impatti climatici e socio-economici, considerando le caratteristiche dell’edificio durante tutto il suo ciclo di vita, fino alla demolizione.

Le soluzioni in laterizio wienerberger sono conformi alla certificazione volontaria di prodotto Epd attraverso la quale viene garantito il rispetto dei Criteri ambientali minimi (Cam). Ciò sarebbe sufficiente per garantire il rispetto del principio Dnsh, ma la visione strategica di Wienerberger Italia ci permette di andare ben oltre: le elevate performance di durabilità ed efficienza energetica delle nostre soluzioni in laterizio si riflettono sull’intero edificio, con effetti concreti sulla sostenibilità del prodotto durante tutto il suo percorso, dalla cava di estrazione, fino al quartiere.

I laterizi rispettano il coefficiente di trasmissione termica richiesto dal regolamento delegato (Ue) 2021/2139, con valori di trasmittanza termica inferiori a 0,5 W/m²K, permettendo la realizzazione di murature monostrato massive, senza l’utilizzo di cappotto termico.

I laterizi Wienerberger favoriscono una progettazione con alta durabilità, riciclabilità e adattabilità. Sono chimicamente stabili e non emettono sostanze inquinanti (Voc), facilitando il riciclaggio e riducendo l’impatto ambientale. Con l’impegno verso l’innovazione sostenibile, Wienerberger Italia continua a offrire soluzioni edilizie che rispettano il principio Dnsh, contribuendo a un futuro più verde e sicuro per tutti.

Ing. Francesca Ballestrazzi
Product management specialist Wienerberger Italia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su accetta, o continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta Maggiori informazioni