Le sfide Ceas per la progettazione della food court Le Cucine di Curno

2 minuti di lettura

Ceas, società milanese di ingegneria integrata, firma il progetto per la realizzazione della nuova food court Le Cucine di Curno, che amplia l’esistente Centro Commerciale di Curno, comune della provincia di Bergamo. La gara d’appalto, bandita da Eurocommercial Properties Italia Srl, è stata vinta dall’impresa Percassi, che ha incaricato Ceas della progettazione costruttiva architettonica, strutturale e del relativo coordinamento, anche per quanto riguardava la parte impiantistica e la struttura in legno e euro della mega-cupola di quasi 2.000 metri quadrati, realizzata da Rubner Holzbau e posta a più di 15 metri di altezza sul mall centrale.

I lavori terminati in soli 11 mesi hanno coinvolto Ceas a più livelli: oltre a fornire una progettazione costruttiva con una sostanziale semplificazione delle lavorazioni in cantiere e un risparmio economico a parità di qualità dell’eseguito, la società è stata incaricata anche di offrire un supporto qualificato e continuo al personale tecnico dell’impresa, in relazione ai rapporti con fornitori e subappaltatori, e in particolare con la committenza, con la struttura di pilotage (gestione dei tenant), con i progettisti, la direzione dei lavori ed il project management. In particolare, con Oneworks, TK ingegneria, Arco Engineering durante lo sviluppo del cantiere, si è creata una collaborazione sinergica che ha permesso di raggiungere l’obiettivo prefissato nel rispetto dei tempi prestabiliti, considerati al limite della fattibilità.

le-cucine-di-curno-ceas

le-cucine-di-curno-ceas

Le competenze di CEAS su questo particolare progetto hanno spaziato dalla progettazione architettonica a quella strutturale e geotecnica, dal coordinamento interdisciplinare, incluse discipline impiantistiche MEP, alla gestione di problematiche del cantiere, così come di tematiche trasversali legate alla sicurezza antincendio, all’acustica, all’energetica, alle certificazioni ambientali.

le-cucine-di-curno-ceas

le-cucine-di-curno-ceas

La prima fase ha riguardato la progettazione costruttiva dell’opera partendo dal progetto esecutivo delle diverse discipline. Successivamente però, in base alle esigenze legate allo sviluppo del cantiere, sono state necessari alcuni adattamenti e modifiche al progetto. Contestualmente, il team ha cercato di risolvere alcune problematiche operative e di dar seguito ed implementare le altre richieste di variazioni della Direzione dei Lavori e della Committenza, così come dal Pilotage in rappresentanza dei vari tenant.

Per quanto riguarda le strutture, in particolare, Ceas ha proposto una sostanziale modifica della configurazione dell’edificio (eliminazione del giunto strutturale previsto nel P.E.), con l’obiettivo di ottimizzare i tempi di realizzazione, ottenere un risparmio economico ed una semplificazione dei dettagli sia strutturali che architettonici. Questa modifica, condivisa e approvata dalla Committenza, ha comportato la piena assunzione di responsabilità in termini di legge sul progetto, e ha permesso a CEAS di diventare Progettista, ai sensi della legge 1086.

Il Centro ha inoltre ottenuto la certificazione di sostenibilità ambientale “Breeam in Construction” di livello “very good”.

le-cucine-di-curno-ceas

le-cucine-di-curno-ceas

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su accetta, o continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta Maggiori informazioni