Milano, c’è una gru sopra la Torre Hadid di CityLife

1 minuti di lettura

Da Bolzano fin sulla Torre Hadid. Niederstätter Spa ha montato una gru su uno dei grattacieli più alti di Milano (170 metri), con l’ausilio di un elicottero. I tecnici bolzanini hanno trovato la soluzione migliore a una richiesta complessa, che ha l’obiettivo di installare un’enorme insegna luminosa sulla cima della torre.

Il lavoro era stato richiesto al costruttore di macchine edili tedesco Liebherr che lo ha affidato allo specialista di gru bolzanino Niederstätter. La più grande sfida non era il montaggio della gru, ma il suo ancoraggio sul tetto dell’edificio. Un rompicapo ingegneristico e strutturale che i tecnici di Niederstätter, grazie alla loro pluriennale esperienza, hanno saputo risolvere aggiudicandosi così l’ordine per il noleggio e il montaggio della gru.

 

Niederstätter gru torre hadid
I tecnici a fine lavoro

 

Alle 6.48 di mattina, l’elicottero della Heliswiss International ha eseguito la prima tornata di una lunga serie per trasportare il primo elemento della gru a torre modello Liebherr 85 EC-B. Montare una gru a torre con un elicottero è sempre una sfida, perché non è in grado di lavorare con la stessa precisione di un’autogru: è stata necessaria la massima concentrazione da parte di tutti.

Alla fine è stato un successo: in due ore e mezza tutti gli elementi della gru sono stati trasportati, montati e fissati dai tecnici. Subito dopo sono iniziati i lavori di installazione dell’insegna luminosa, per cui l’impresa CMB, cooperativa muratori e braccianti di Carpi, utilizzerà un totale di circa 200 tonnellate di acciaio. I lavori dureranno circa due mesi, dopo di che la gru verrà nuovamente smontata con l’elicottero.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.