I vincitori del Gran Premio Premio Internazionale di Architettura BigMat ’21

I vincitori del BMIAA 21
4 minuti di lettura

XDGA – Xaveer De Geyter Architects dell’architetto Xaveer De Geyter vince il Gran Premio Internazionale del BigMat International Architecture Award 2021 con il progetto della scuola Melopee di Gand, costruita nell’area portuale della città e completata nel 2020. Un secondo successo per lo studio belga, che aveva già vinto il premio nella prima edizione del concorso indetto nel 2013.

Melopee-School-©-Maxime-Delvaux
Melopee School © Maxime Delvaux

Melopee-School-©-Maxime-Delvaux

«Sono onorato e allo stesso tempo sorpreso di aver ricevuto per la seconda volta questo riconoscimento così prestigioso; un premio attraverso cui BigMat conferma il suo ruolo di primo piano nel sostenere e promuovere in modo super partes la qualità e l’eccellenza architettonica europea» ha dichiarato l’architetto Xaveer De Geyter durante la cerimonia di premiazione che si è tenuta presso il Pavillon Cambon di Parigi.

Xaveer-De-Geyter
L’architetto Xaveer De Geyter
La cerimonia di premiazione al Pavillon Cambon di Parigi

Secondo la giuria, il progetto «offre una nozione di centralità al piano lineare sviluppato da O.M.A., in cui spazi verdi aperti si alternano a costruzioni di profonda densità». Allo studio di architettura è stato richiesto di ospitare in un unico complesso asilo nido, scuola elementare, doposcuola e strutture sportive utilizzate sia dagli alunni sia dal quartiere, a cui il complesso è collegato da una serie di percorsi pedonali.

Melopee-School-©-Maxime-Delvaux
Melopee School © Maxime Delvaux

Per riuscire a includere tutte queste attività e «contrastare la mancanza di spazio e gestire la complessità tra ambiente interno-esterno e consentire così il passaggio del percorso pedonale pubblico, la costruzione principale è stata suddivisa in due metà – un edificio compatto che alloggia tutte le funzioni interne e uno spazio esterno – unite da uno scheletro in acciaio galvanizzato Nel volume più interno, le facciate sono state progettate come un patchwork di policarbonato opaco e lucido, vetro e feritoie in alluminio, mentre la struttura esterna è ricoperta di vegetazione che si arrampica su una rete in acciaio, sulla quale sono state ritagliate diverse finestre», prosegue la giuria.

Al premio BigMat International Architecture Award hanno partecipato quasi 1.000 progetti e 14 finalisti tra architetti e studi provenienti dai sette Paesi europei dove è presente il marchio BigMat (Belgio, Francia, Italia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Spagna). «Il  ’21 ha dimostrato lo straordinario livello dell’architettura europea e ha registrato un enorme successo, non solo per il record di candidati, ma anche per la loro qualità, l’ampia varietà di scala e di tipologia di interventi architettonici, dai progetti effimeri ai grandi interventi urbani» ha commentato il presidente di giuria Jesús Aparicio.

Oltre al Gran Premio Internazionale di Architettura BigMat ’21, sono stati assegnati sei Premi Nazionali e una Menzione Speciale ai progetti di piccola scala.

A vincere il Premio Nazionale per l’Italia è stato invece Onsite Studio di Milano con il progetto Pirelli Learning Center, sviluppato all’interno del quartiere industriale Bicocca, a nord di Milano, in un’area recentemente ristrutturata.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’edificio, nonostante «dal punto di vista volumetrico non sia una costruzione imponente, rappresenta un progetto ambizioso che mira a diventare il cuore pulsante e il polo centrale dell’area della Bicocca. Tutto questo grazie al lavoro magistrale degli architetti di Onsite anche nel differenziare il complesso dal punto di vista formale inserendo nella facciata degli elementi di rottura, due tronchi di piramide, che creano una simmetria funzionale a risolvere il problema della presenza sul tetto di elementi come le macchine per il condizionamento, trasformando con un colpo di genio una difficoltà tecnica in una virtù architettonica» ha sottolineato l’architetto Nicola Di Battista, giurato italiano di quest’edizione.

Gran-Premio-Internazionale-BigMat-International-Architecture-Award-2021
Da sinistra Alessandro Cerbai presidente BigMat Italia, arch. Angelo Lunati e arch. Giancarlo Floridi di Onsite Studio

 

I vincitori degli altri Premi nazionali sono stati: 
Francia: Kervalet di Exercice | Saint Avé, Brittany (2020)
Portogallo: Lisbon Cruise Terminal di Carrilho da Graça Arquitectos | Lisbona (2017)
Repubblica Ceca: Prague Eyes di Petr Janda / Brainwork | Praga (2019)
Slovacchia: New Synagogue di PLURAL | Zilina (2018)
Spagna: Casa O Fieiro a Mazaricos di Estudio Arturo Franco | La Coruña (2020), Spagna.Questo progetto ha vinto anche la Menzione Speciale per i progetti di piccola scala

Questo slideshow richiede JavaScript.

«Siamo convinti dell’importanza di sensibilizzare i territori dove operano i nostri punti vendita per promuovere sistemi costruttivi che sappiano intrecciare e mettere in equilibrio i principi di un’architettura basata sulla sostenibilità, sull’efficienza e sul risparmio energetico, valori che BigMat e il Premio di Architettura promuovono da quasi un decennio, e che contraddistinguono il “buon costruire” dove l’operato degli architetti è fondamentale, perché i loro progetti incidono, a cascata, su tutta la filiera e, naturalmente, sul comfort abitativo delle persone» sottolinea Matteo Camillini, direttore di BigMat Italia e BigMat International.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su accetta, o continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta Maggiori informazioni