La nuova Piazzale Loreto di Milano parte dalla Triennale, la rivoluzione verde è iniziata

Lets Break it Up NHOOD LAND ©Colella Nicola
3 minuti di lettura

In occasione del Supersalone e della Milano Design Week 2021, il vincitore del progetto di riqualificazione di Piazzale Loreto a Milano, ha presentato l’installazione “Let’s Break It Up!” che prevede l’esposizione in Triennale Milano di 16 alberi di Quercus Palustris che anticipa la “foresta urbana” protagonista a progetto ultimato di  LOC – Loreto Open Community.

«Piantare alberi, fare boschi, moltiplicare il numero delle piante lungo le strade, nelle piazze, nei cortili, sui tetti e sulle facciate delle nostre città, è il modo più efficace, economico e coinvolgente per rallentare il riscaldamento globale, ridurre i consumi e pulire dalle polveri sottili l’aria che respiriamo. La Forestazione Urbana è oggi in cima alle agende delle grandi metropoli del pianeta (da New York a Melbourne, da Shanghai a Parigi) e la Grande Milano – con il progetto di Forestami di 3 milioni di alberi entro il 2030 – si candida a diventare una delle città protagoniste di una grande campagna per invertire il cambiamento climatico nel mondo», spiega l’architetto Stefano Boeri, Presidente del Comitato Scientifico di Forestami.

I 16 alberi bucano letteralmente l’asfalto, rompendo il grigiore e lasciando che la vegetazione emerga, come avverrà nella futura Piazzale Loreto: una riconquista totale del verde in una piazza, oggi congestionata dal traffico, ma che domani sarà la Sky Forest di LOC, la Comunità Aperta di Loreto.

plastico-LOC-Piazzale-Loreto
Plastico – LOC- Piazzale Loreto

«Dare il via a questa rivoluzione sostenibile significa trasformare la città e i suoi spazi restituendo loro bellezza e vitalità (…) Dare vita già oggi al primo nucleo di questa isola verde, che potrà migliorare la vita delle persone ogni giorno, significa tornare a valorizzare un luogo importante per la storia e il futuro della città di Milano, lasciando che questo respiro dilaghi anche nelle vie limitrofe. È un segnale di rottura, per questo il nostro invito è “Let’s Break it Up!”», afferma Marco Balducci, ceo di Nhood Italy.

In occasione della presentazione dell’installazione “Let’s Break It Up!” Nhood ha ufficializzato la partnership con Forestami, che permetterà alla futura piazza di essere piantumata con oltre cinquecento alberi, acquistati già oggi, incluse le “Quercus Palustris” e altre specie arboree. Queste, insieme alla creazione di specchi d’acqua, restituiranno oltre 10.000 mq di spazio pubblico verde e contribuiranno alla riduzione dell’inquinamento e delle isole di calore. Insieme alla installazione di 1.300 mq di tetti verdi, oltre 4mila mq di pannelli fotovoltaici e ad un ventaglio di strategie energetiche e tecnologie innovative mirate alla realizzazione della carbon neutrality, LOC porterà alla riduzione del consumo energetico e dell’impronta carbonica con valori prossimi a zero.

La partnership con Forestami si concretizzerà anche nell’appello ai cittadini delle associazioni della zona con “The call of the urban wild”, un invito alla comunità aperta di Piazzale Loreto a esprimersi e avvicinarsi al punto d’ascolto che verrà aperto nella piazza in autunno, per condividere idee e proposte.

Gli alberi di Let’s Break it Up! saranno ripiantati in città, nei punti scelti dalla comunità di cittadini. Un modo per allargare l’open community e al contempo estendere la foresta urbana nelle zone adiacenti a Piazzale Loreto, costruendo spazi dove ogni aspetto della vita potrà sviluppare un dialogo con la Natura.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su accetta, o continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta Maggiori informazioni