Sicurezza vetro in edilizia: aggiornata la UNI 7697, ecco le novità

3 minuti di lettura

In vigore dal 26 agosto, la versione aggiornata della norma UNI 7697, caposaldo della normativa tecnica nel settore del vetro, contiene alcune importanti novità in termini di applicazioni. Arturo Benini, responsabile dell’Area Normativa Pilkington Italia, illustra le principali novità.

Quali sono le principali novità della UNI 7697 in termini di indicazioni progettuali?
Oltre ad alcune semplici integrazioni di natura terminologica, una modifica importante riguarda l’Heat Soak Test, processo termico in grado di abbattere il rischio di rotture spontanee nel vetro temprato, causate dalla presenza di solfuro di nichel. In tutte le applicazioni in cui la rottura del vetro temprato possa costituire un pericolo a causa della massa dei frammenti in caduta, l’HST diventa obbligatorio, con un deciso passo avanti rispetto alla precedente versione della norma, in cui era solamente consigliato, così da promuovere una progettazione attenta e a tutela degli utenti.

Quali modifiche sulle principali destinazioni d’uso? Sono state aggiunte nuove applicazioni?
Gli edifici scolastici godono di una trattazione rigorosa all’interno dei prospetti normativi, che impongono per le scuole di primo e secondo grado l’utilizzo di vetro stratificato per le lastre interna ed esterna della vetrata isolante, in considerazione della fragilità degli studenti e della loro giovane età. Per gli edifici universitari o di pari grado, invece, nell’aggiornamento del testo si è scelto di concedere l’utilizzo anche del vetro temprato per le lastre esterne. La novità principale riguarda, tuttavia, i campi sportivi, sui quali una partecipata discussione ha permesso di giungere ad una soluzione unanimemente condivisa: vista la grande diffusione di campi da padel, i quali sono delimitati da pareti in vetro composte di lastre in grandi dimensioni fissate puntualmente, si è ritenuto di escludere le applicazioni in vetro monolitico temprato. È stato, infatti, deciso di ammettere unicamente soluzioni in vetro stratificato per le pareti perimetrali vetrate, così da abbattere il rischio di caduta in massa di frammenti, al fine di tutelare gli atleti ed i numerosi utenti che si affacciano a questo sport.

Quale il ruolo del vetro stratificato?
Tra i punti saldi della norma rimane la massima importanza attribuita al vetro stratificato, come vetro di sicurezza per eccellenza. Oltre ad evitare il ferimento delle persone in caso di impatto, è in grado di garantire un’azione di contenimento contro la caduta nel vuoto tramite l’intercalare plastico. Per tale motivo, è indicato in una pluralità di applicazioni e in molteplici destinazioni d’uso, anche in funzione del requisito di sicurezza da soddisfare.

Vetro stratificato di sicurezza Pilkington Optilam

Dal 2006 Pilkington è una società del Gruppo NSG, uno dei più grandi produttori mondiali di vetro e di sistemi di vetro in tre principali aree di business: Edilizia, Automobile e Tecnologie Creative.

L’ampio ventaglio di prodotti stratificati Pilkington Optilam, oltre ad essere conforme alla norma UNI EN 12600, permette di rispondere ai requisiti di resistenza all’effrazione e ai proiettili, può fornire prestazioni acustiche come anche rispondere ad esigenze estetiche di colore.

La gamma Pilkington Optilam prodotta a Venezia è apprezzata dalle vetrerie per la facilità di taglio e lavorazione. L’ampiezza della gamma, per substrato, tipologia e prestazioni, e la disponibilità degli spessori compresi tra 4,4 e 39 mm lo rendono il vetro stratificato di sicurezza per antonomasia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su accetta, o continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta Maggiori informazioni