Sostenibilità: Mapei tra le 150 aziende italiane più virtuose

2 minuti di lettura

La sostenibilità è un tema sempre più rilevante nel business di molte aziende, anche nel settore delle costruzioni. Per questo la ricerca di Statista, azienda leader delle ricerche di mercato e specializzata in ranking e analisi di dati aziendali, realizzata in collaborazione con il Sole 24 Ore, risulta molto importante in quanto getta un faro sullo stato delle imprese italiane su questo argomento. L’indagine ha preso in esame 1.200 grandi aziende con sede in Italia sulla base del rapporto di sostenibilità e del bilancio finanziario pubblicati e ha per oggetto l’analisi della Corporate Social Responsability nelle sue tre dimensioni Economica, Ambientale e Sociale.

Dopo le fasi di identificazione delle aziende e di pre-screening è stata condotta l’analisi dettagliata dei bilanci che ha indagato diversi indicatori nelle tre aree della sostenibilità: Rifiuti, Emissioni, Consumo di carburante, Consumo energetico, Consumo Idrico, Diversità e Pari opportunità, Dipendenti, Società, Divulgazione e Trasparenza e infine Dati economici. L’assegnazione del punteggio per ciascun indicatore ha permesso infine di creare la lista delle 150 aziende più sostenibili.

Tra le 150 aziende italiane più sostenibili, unica nel settore chimica, è risultata Mapei. Fondata nel 1937 a Milano, Mapei è uno tra i maggiori produttori mondiali di prodotti chimici per l’edilizia e ha contribuito alla realizzazione delle più importanti opere architettoniche e infrastrutturali a livello globale. Con 90 consociate distribuite in 57 Paesi e 83 stabilimenti produttivi operanti in 36 nazioni, il Gruppo occupa oltre 10.500 dipendenti in tutto il mondo. Nell’anno 2019 il Gruppo Mapei ha registrato un fatturato consolidato di 2,8 miliardi di euro.

«Siamo conviti che la strada per la sostenibilità debba passare dalla ricerca e l’innovazione. In particolare, ci impegniamo per un’edilizia sempre più attenta all’ambiente e alla salute degli utilizzatori, convinti che allungare il ciclo di vita degli edifici e delle infrastrutture esistenti sia la strategia vincente per consumare meno risorse e produrre meno. Con lo stesso impegno diamo un sostegno concreto alle comunità in cui siamo attivi con iniziative sportive, culturali e di solidarietà. Questo riconoscimento rappresenta uno stimolo a continuare a migliorarci per realizzare risultati sempre più importanti per l’ambiente e la società», afferma Mikaela Decio, Corporate Environmental Sustainability Manager di Mapei.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su accetta, o continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta Maggiori informazioni