Capo Torre Resort: ospitalità ed eleganza con garage vista mare

2 minuti di lettura

Ad Albissola Marina, in provincia di Savona, un ex imprenditore del settore idraulico ha voluto dedicarsi all’ospitalità. Così, sopra un promontorio a picco sul mare, è nato Capo Torre Resort, una struttura di lusso che si distingue per la cura del disegno architettonico e l’attenzione nei confronti dell’ambiente circostante e dell’orientamento ottimale degli spazi. Progettato dallo studio architettonico Studio A+I Architettura e Ingegneria, il complesso ospita l’appartamento padronale al primo piano e tre ambienti abitabili indipendenti al piano terra, tutti con vista mare.

capo_torre_resort-albissola

«Capo Torre Resort è nato per valorizzare un punto panoramico della costa ligure. Affacciato su un anfiteatro naturale di rocce a picco sul mare, con una vista davvero suggestiva, un vecchio edificio è stato sostituito con un piccolo ma lussuoso bed & breakfast, dedicato ad una clientela esclusiva», afferma il proprietario, Andrea Simoncelli. «Abbiamo prestato estrema attenzione non solo all’inserimento ambientale, salvaguardando gli ulivi esistenti, ma anche alla qualità degli spazi e alla scelta delle finiture e degli arredi, con l’obiettivo di creare un luogo piacevole e accogliente, elegante e confortevole, con quel tocco in più che può dare solo un’atmosfera familiare».

capo_torre_resort-albissola

Per un efficace orientamento dello spazio e una maggiore efficienza energetica, le camere da letto sono state collocate a est e gli spazi giorno a sud. Le ampie vetrate consentono di ammirare la vista esterna e massimizzare l’ingresso della luce naturale.

capo_torre_resort-albissola

Complessivamente il resort può accogliere una decina di ospiti, ed è prevista anche la possibilità di rimessaggio delle autovetture grazie a due garage, che si inseriscono con discrezione nella composizione. «In questo caso abbiamo dovuto risolvere tre problemi: di ordine dimensionale, legato alla notevole ampiezza dei varchi e alla presenza di fuori-squadra; estetico, per minimizzare l’impatto visivo dei portoni rispetto al resto dell’edificio; di affidabilità e durabilità, conseguente alla costante esposizione all’atmosfera marina carica di salsedine».

Per affrontare tutte queste problematiche la scelta è ricaduta sui portoni sezionali Hörmann LPU 42 di dimensioni 5.000 x 2.250, rifiniti con trattamento superficiale Woodgrain ed equipaggiati con la motorizzazione SupraMatic Serie 4 di ultima generazione.

Il portone sezionale Hörmann è fra i modelli più diffusi per la chiusura di box e garage. Concepito per adattarsi a qualsiasi tipo di varco, è composto da elementi modulari (spessore 42 mm) realizzati con una doppia parete metallica riempita da schiuma poliuretanica, che scorrono in verticale posizionandosi parallelamente al soffitto per minimizzare l’ingombro interno. L’ottimale stabilità in tutte le posizioni, la tenuta perimetrale, l’elevato grado di isolamento termico e lo scorrimento silenzioso distinguono questo portone. La finitura di base (zincatura a caldo e strato protettivo in poliestere) restituisce un design pulito ed essenziale e permette la personalizzazione con diverse tipologie di finiture e varianti cromatiche.

LA SCHEDA

Progetto: ristrutturazione turistico-residenziale

Progetto architettonico: Studio A+I Architettura e Ingegneria

Location:  Albissola, Savona

Committente: Andrea Simoncelli

Portoni sezionali: Hörmann – Modello LPU 42

Agenzia: Carlo Geddo (Savona e Imperia)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su accetta, o continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta Maggiori informazioni