L’ultimo pezzo della Fondazione Prada di Milano firmata OMA apre il 20 aprile

2 minuti di lettura

Fondazione Prada annuncia l’apertura al pubblico della Torre di Milano per il 20 aprile 2018. Era il maggio del 2015 quando la vecchia distilleria di gin a sud della città si è trasformata in un progetto audace firmato dallo studio OMA dell’architetto Rem Koolhaas, che ha disegnato dinamici spazi espositivi dialoganti l’uno con l’altro.

 

© Bas Princen, courtesy Fondazione Prada

 

Il progetto di 19.000 metri quadrati comprende sette edifici riqualificati e due nuovi, ma nel 2015 il volume più grande destinato a ospitare la collezione permanente della Fondazione era ancora nascosto: si tratta della Torre che svetta sopra il quartiere e funge da punto di riferimento, visibile anche da lontano.

Dopo quasi tre anni dall’inaugurazione l’ultima parte dell’ambizioso progetto ora non presenta più gru intorno e sarà finalmente inaugurata il prossimo 20 aprile, diventando uno degli elementi più riconoscibili della Fondazione e tra i nuovi grattacieli milanesi sorti in questi anni. L’edificio consiste in una torre bianca di nove piani costruita con travi di cemento di grandi dimensioni, che formano solai traslati nell’orientamento da un livello all’altro, creando una successione di vuoto/pieno che segue alternativamente il confine del quartiere e il principio di ortogonalità dei lati della torre.

 

 

Sei piani ospiteranno sale espositive per una superficie totale di più di 2.000 metri quadrati, mentre gli altri tre accoglieranno un ristorante e servizi per il visitatore, con tanto di rooftop bar sulla sommità della terrazza panoramica. Ai piani si può accedere direttamente attraverso un ascensore panoramico contraddistinto da un’imponente struttura diagonale in acciaio e cemento che sembra sorreggere la torre.

 

© Bas Princen, courtesy Fondazione Prada

 

Quest’ultimo intervento contribuisce così ad aggiungere variabili spaziali al progetto, confermando la complessità dell’architettura dello studio OMA, in grado di sviluppare una programmazione artistica aperta e in costante evoluzione.

Per maggiori informazioni: www.fondazioneprada.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.