Rinnovato e ricco di contenuti: ecco il nuovo numero di YouBuild

2 minuti di lettura

YouBuild rivista architettura numero di gennaio 2018

Completamente rinnovato: il numero sei di YouBuild, rivista destinata alla filiera delle costruzioni, dagli architetti alle aziende dell’edilizia, e focalizzata sulla sostenibilità, si ripresenta ai lettori forte di una nuova direzione, quella di Luca Maria Francesco Fabris, docente al Politecnico di Milano, e con un nuovo comitato scientifico di livello internazionale.

Non stupisce, quindi, che il numero di YouBuild offra un ventaglio di proposte editoriali che abbraccia non solo le esperienze italiane, ma porti anche testimonianze dall’estero. Per esempio, quelle del museo Lego in Olanda, oppure di un edificio municipale di Kitagata, Giappone. O, ancora, il lavoro di riqualificazione per l’ex Villaggio Olimpico di Berlino. Tutte storie, esempi concreti, di che che cosa si può fare se si riesce a coniugare un lavoro interessante da un punto di vista architettonico con una filosofia green.

Già, ma in Italia? La prima parte del nuovo numero di YouBuild anticipa gli atti del primo Convegno nazionale della rivista, in programma il 31 gennaio a Bergamo, nella sede di iLab. Il punto focale degli interventi, riassunti nelle pagine della rivista, è proprio la necessità sempre più imperativa di rendere efficiente (o, almeno, non obsoleto) il patrimonio abitativo italiano. Oltre 1 milioni di edifici, infatti, non sono adeguati agli standard attuali. Sono costruzioni energivore e, nella maggior parte dei casi, anche a rischio crollo in caso di terremoto. Periferie, isolamento, riqualificazione saranno, quindi, i temi attorno a cui si svolgerà il confronto anticipato sulle pagine del magazine edito da Virginia Gambino Editore.

A proposito di consolidamento: YouBuild ospita anche uno speciale dedicato alle tecniche destinate a rendere più sicuro un edificio, con una guida per la scelta del migliore approccio da scegliere. La sezione «Come si fa», invece, prende spunto da alcuni casi pratici per verificare sul campo tecniche, materiali e metodi di lavorazione, sempre nella filosofia del costruire sostenibile. Insomma, un numero speciale, da non perdere.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.