ClimaHotel Gallo Senone: nelle Marche il resort che respira

8 minuti di lettura

Nelle Marche, una case history di successo siglata ClimaHotel: un antico casolare è stato recuperato a uso ricettivo. E, oltre all’efficientamento energetico, sono state messe in atto strategie per la qualità dell’aria indoor secondo i più aggiornati protocolli di progettazione. Il resort Gallo Senone è il risultato progettuale di un lavoro sensibile di recupero di un vecchio casolare agricolo in disuso trasformato in uno spazio di rigenerazione a basso impatto ed elevata efficienza energetica.

La certificazione ClimaHotel è stata la scelta operata dalla committenza per supportare un progetto di qualità architettonica con un percorso di sostenibilità controllato rigorosamente da un ente terzo. In questo processo l’integrazione dei criteri di valutazione della qualità dell’aria negli ambienti interni è risultato un aspetto irrinunciabile. Il resort non rappresenta solo un intervento di recupero del patrimonio edilizio esistente incentrato sull’obiettivo di realizzare una struttura ricettiva ridando vita a un casolare abbondato, ma è un percorso di creazione di un luogo di rigenerazione fisica e mentale.

 

gallo-senone-climahotel

gallo-senone-climahotel

ClimaHotel Gallo Senone: attenta ristrutturazione e materiali contemporanei

Oltre a confortevoli ambienti interni in cui si completano modernità e caratteri tipologici delle costruzioni rurali marchigiane, gli ospiti possono accedere a spazi esterni in cui zone comuni e private si compenetrano. Una caratterizzazione unica supportata da uno studio per il recupero delle essenze autoctone storiche dell’ambiente agricolo del territorio. Un concetto esclusivo in cui negli spazi esterni privati è possibile dedicarsi alla coltivazione degli orti e alla raccolta dei frutti prodotti in quel periodo dell’anno.

 

gallo-senone-climahotel

 

La Stalla, l’Abitazione e l’Accessorio sono i tre manufatti edilizi su cui l’architetto Marco Battistelli dello Studio Brau ha lavorato per instaurare un dialogo tra contemporaneità e recupero della tradizione. L’Accessorio, conservato nella tipologia e nei materiali originari, è stato oggetto di una attenta ristrutturazione (coibentazione interna in pannelli di sughero) e affiancato da un ampliamento di forme e materiali contemporanei per integrare cucina, sala ristorante e lounge bar. La Stalla e l’Abitazione ospitano i locali dell’attività ricettiva e sono stati ricostruiti con una muratura portante in blocchi di laterizio alveolare e coibentazione esterna a cappotto.

Il progetto del resort Gallo Senone ha seguito diversi parametri: valorizzazione architettonica, adeguamento sismico, minimizzazione dell’utilizzo di suolo, riduzione dei consumi energetici e ricorso alle fonti rinnovabili da una parte. Dall’altra il riutilizzo dei materiali riciclati dall’edificio esistente e la volontà di fare scelte a garanzia di un elevato livello di qualità dell’aria interna negli ambienti di soggiorno.

 

gallo-senone-climahotel

Qualità dell’aria indoor, contro i Voc

La valutazione dei parametri di qualità indoor è partita nella fase preliminare del progetto (precertificazione) attraverso un’attenta scelta dei materiali da costruzione, delle finiture, degli arredi. Durante questa fase il team di progettazione ha valutato accuratamente le diverse opzioni progettuali e, in alternativa all’inserimento di un sistema di ventilazione meccanica controllata, è stata fatta un’accurata selezione dei prodotti liquidi (impregnanti, lacche e vernici) e dei materiali in legno inseriti all’interno degli ambienti.

Tra gli obiettivi primari l’eliminazione dei composti organici volatili (Voc), gruppo di sostanze che hanno la capacità di evaporare facilmente a temperatura ambiente. Fanno parte di questa categoria molte sostanze organiche, tra cui gli idrocarburi aromatici, i terpeni, gli alcoli, gli esteri, i chetoni, e le aldeidi (tra cui la formaldeide). Nelle case esistono innumerevoli fonti di emissione tra cui materiali da costruzione, arredi, pitture e vernici, pesticidi, fotocopiatrici e stampanti, colle, pennarelli ed evidenziatori, materiali per la fotografia, combustibili, cosmetici, disinfettanti, prodotti per la pulizia della casa.

 

gallo-senone-climahotel

 

Un’elevata concentrazione di Voc negli ambienti può provocare disturbi e danni alla salute come emicrania, perdita di coordinamento, nausea, irritazione di occhi, naso e gola. Alcuni Voc possono però essere la causa di gravi danni al fegato, ai reni e al sistema nervoso centrale. Esistono, infine, Voc che sono all´origine di alcune forme di cancro nell’uomo. Che cosa prevede ClimaHotel? Per limitare la concentrazione di Voc negli ambienti interni, ClimaHotel prevede che, in assenza di un impianto di ventilazione meccanica controllata (Vmc), vengano controllati i prodotti liquidi, i materiali in legno incollato ed i materiali per l´isolamento termoacustico. Per vernici e lacche impregnanti il protocollo prevede dei limiti per quanto riguarda il contenuto di Voc e di metalli pesanti nel prodotto, oltre alla verifica delle frasi di rischio sulle schede di sicurezza. Inoltre alcuni composti organici non possono essere presenti. Devono essere controllati tutti i prodotti liquidi applicati sulle superfici, i materiali in legno incollato e gli isolanti termo-acustici che si trovano all’interno dello strato di tenuta all’aria.

Formaldeide: perché è pericolosa?

La formaldeide è un gas incolore e dall’odore acre e irritante, solubile in acqua che fa parte della famiglia dei Voc. È impiegata per la produzione di resine sintetiche, colle, solventi e vernici che sono poi utilizzate per la realizzazione di arredi e materiali da costruzione utilizzati anche all´interno delle nostre abitazioni.

Perché la formaldeide è pericolosa? L´Iarc (Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro) a giugno 2004 ha classificato la formaldeide nel gruppo 1 dei cancerogeni, cioè nei cancerogeni certi per l’uomo per inalazione. Che cosa prevede ClimaHotel? A livello nazionale il D.M. 10 ottobre 2008 ha vietato l´immissione in commercio di pannelli a base di legno e di manufatti con essi realizzati se il rilascio di formaldeide nell’ambiente è superiore a 0,10 ppm, valore corrispondente alla classe E1. In assenza di un impianto di ventilazione, al fine di una maggior tutela della salute delle persone, la certificazione di sostenibilità Clima- Hotel prevede che negli ambienti interni possano essere utilizzati solo materiali e prodotti a base di legno incollato e materiali per l´isolamento termoacustico con emissione di formaldeide inferiore o uguale a 0,05 ppm (0,062 mg/m³), valore che corrisponde alla metà del limite ammesso per legge per i prodotti in legno.

Gas radon: perché è pericoloso?

Per la valutazione dei provvedimenti da adottare per la protezione dal gas radon nel resort Gallo Senone è stato innanzitutto esaminato il valore di emissione sul territorio. L’analisi geomorfologica elaborata ha permesso di escludere la creazione di situazioni di criticità ambientale derivante da concentrazioni anomale di questo gas. Il valore medio di emissioni di radon si attesta infatti intorno a 50 Bq/m³, al di sotto quindi del valore di riferimento di 200 Bq/m³ indicato nel protocollo ClimaHotel e suggerito dalla raccomandazione della Commissione Europea 143/90 per gli edifici di nuova costruzione.

Incolore, inodore e insapore, il radon è un gas derivante dal decadimento dell’uranio ed emesso dalle rocce del sottosuolo. Può essere rilevato negli ambiente confinati solo con una misurazione. Le formazioni rocciose come tufo, granito e porfido che hanno un maggiore contenuto d’uranio possono emanare maggiori quantità di radon, ma, a diverse concentrazioni, il gas è rilevabile su tutto il territorio nazionale. Se il sottosuolo è molto permeabile e frammentato è più facile che il radon riesca ad arrivare in superficie e ad entrare nelle abitazioni. Dato che penetra facilmente attraverso crepe, fessure o punti aperti nelle platee di fondazione, gli ambienti nei seminterrati o al pianterreno sono particolarmente a rischio.

Perché il gas radon è pericoloso? Nel 1988, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro hanno dichiarato che il radon è una delle 75 sostanze cancerogene per l’uomo (agente cancerogeno di tipo 1). In particolare l’inalazione di gas radon aumenta il rischio di cancro polmonare. Che cosa prevede ClimaHotel? Nell’ambito delle certificazioni di sostenibilità ClimaHotel, per garantire la protezione dal gas radon, sono stati introdotti limiti specifici per gli edifici di nuova costruzione (200 Bq/m³) e per gli edifici risanati (400 Bq/m³). Per gli edifici di nuova costruzione deve essere elaborata una valutazione preventiva che deve tenere in considerazione sia la mappatura del gas radon della zona, che l’analisi geomorfologica del sito. Se l’edificio si trova in una zona a elevato rischio radon (concentrazioni maggiori di 400 Bq/m³) deve essere eseguita una misurazione in fase di utilizzo dell’edificio per la verifica dell’efficacia delle contromisure adottate in fase costruttiva.

 

gallo-senone-climahotel

Certificazione ClimaHotel CasaClima

Il protocollo CasaClima è stato creato con lo scopo di garantire un elevato livello di qualità durante l´intero processo di progettazione e costruzione di edifici a basso consumo energetico. Negli ultimi anni il progetto CasaClima è stato ampliato con lo scopo di valutare, oltre all´efficienza energetica dell´involucro edilizio, un più ampio ventaglio di aspetti che tenessero conto dell´impatto dell´edificio sia sulle risorse che sull´uomo. In particolare per gli edifici ricettivi è stata sviluppata la certificazione ClimaHotel.

ClimaHotel rappresenta il risultato di una ricerca applicata sviluppata su più anni durante il percorso di progettazione e costruzione di alcuni edifici pilota. In questo processo l´Agenzia CasaClima si è confrontata con tecnici esterni e aziende per determinare parametri e metodi di valutazione che potessero essere applicati e verificati concretamente al fine di delineare un percorso per progettare e realizzare una struttura di elevata qualità globale. In particolare nel protocollo è stato posto l´accento sulla verifica della qualità dell´aria negli ambienti interni, la cosiddetta Indoor air quality (Iaq) che nel protocollo ClimaHotel è il risultato sinergico delle soluzioni progettuali, della scelta dei materiali da costruzione e delle modalità di funzionamento, manutenzione e controllo degli impianti.

(Martina Demattio)

LA SCHEDA

IL GALLO SENONE RESORT DI CAMPAGNA

Committente: Simona Renaldi e Matteo Alessandroni

Ubicazione: Strada del Crocifisso Vallone 171 60019 Senigallia (An) – www.ilgallosenone.it

Progettazione architettonica: BRAU Battistelli Roccheggiani Architetti

Progettazione strutturale: Ing. Michele Turchi

Progettazione impiantistica: Ing. Luca Memè

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.