Olivari riporta alla luce i lampadari di Gio Ponti per il Salone del Mobile

2 minuti di lettura

Il Salone del Mobile di Milano è una grande occasione per presentare nuovi prodotti, ma anche per valorizzare il design italiano esistente: la Chiesa di San Francesco al Fopponino, progettata nel 1963 da Gio Ponti, fa parte del patrimonio artistico milanese e racchiude al suo interno pezzi di design unici dell’architetto milanese.

 

Olivari Gio Ponti Milano
Chiesa di San Francesco al Fopponino progettata a Milano da Gio Ponti nel 1963

 

Olivari, azienda di Borgomanero per cui Gio Ponti ha disegnato la maniglia Cono, usata in tutte le porte del complesso ecclesiastico di San Francesco, ha deciso di mettere a disposizione le sue capacità tecnologiche e artigianali per riportare alla luce i lampadari originali disegnati dall’architetto per la chiesa milanese. I 20 lampadari in ottone della navata centrale sono stati infatti sacrificati negli anni Ottanta a vantaggio di proiettori a ioduri metallici, molto potenti, che hanno snaturato il progetto originale e l’atmosfera raccolta voluta da Ponti. Nel tempo i lampadari hanno inoltre subito una progressiva ossidazione e perso la finitura leggera che li caratterizzava.

 

Olivari Gio Ponti Milano
I lampadari disegnati da Ponti per la Chiesa di San Francesco al Fopponino a Milano

 

Il primo obiettivo dell’intervento di restauro svolto nelle officine Olivari è stato quello di ripristinare le componenti metalliche nel loro aspetto estetico originario, utilizzando prodotti che ne garantissero un mantenimento adeguato nel tempo. Si è prima di tutto analizzato in laboratorio il trattamento che in origine era stato fatto sull’ottone e, quindi, dopo aver sabbiato e smerigliato la superficie, asportando l’ossidazione, si è proceduto con la satinatura orizzontale e con una successiva verniciatura trasparente e cottura a forno, che sarà in grado di mantenere inalterato per molti anni ancora l’aspetto dei lampadari.

 

Olivari Gio Ponti Milano
I lampadari restaurati da Olivari

 

Il secondo obiettivo è stato quello di sostituire le fonti luminose con altre, tecnologicamente avanzate, più durevoli in termini di vita utile e meno costose sotto l’aspetto dei consumi energetici. È stata messa a punto una soluzione basata su strisce led alimentate a bassa tensione tali da fornire l’illuminazione che originariamente era erogata dai tubi al neon sagomati e ricurvi. Queste nuove strisce sono state fissate con sistema reversibile in modo da non essere visibili e da erogare una luce calda e diffusa.

La Chiesa di San Francesco al Fopponino di Gio Ponti tornerà a illuminarsi dopo 30 anni durante il Salone del Mobile di Milano, da lunedì 16 a domenica 23 aprile 2018, giornate in cui saranno organizzate delle visite guidate dalle 19.30 alle 20.30, in italiano e in lingua inglese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.