A Torino partono i lavori per progetto Città delle Scienze e dell’Ambiente

Il progetto Città delle Scienze e dell'Ambiente
3 minuti di lettura

AL via i lavori per la realizzazione della Città delle Scienze e dell’Ambiente, a Torino. Il polo sara esteso su un’area verde di oltre 228.600 metri quadrati (che si sommano agli oltre 300 mila esistenti) e costituisce uno dei più importanti investimenti di edilizia universitaria in Italia. Avrà sede nel territorio del Comune di Grugliasco. Sarà anche sede delle attività didattiche e di ricerca dei dipartimenti di Chimica, Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi, che si affiancheranno a quelli di Scienze Agrarie, Forestali Alimentari e Scienze Veterinarie già presenti.

Render del progetto Città delle Scienze e dell'Ambiente
Render del progetto Città delle Scienze e dell’Ambiente

Il nuovo complesso edilizio, per un totale di circa 90 mila metri quadrati, porterà un aumento della popolazione universitaria a Grugliasco dalle attuali 5 mila unità fino alle oltre 10 mila. L’investimento complessivo ammonta a circa 160 milioni di Euro (con oltre 2,4 milioni di Euro all’anno per la manutenzione e gestione), con una durata dei lavori di 3 anni per il completamento, start up e collaudo delle opere.

Render del progetto Città delle Scienze e dell'Ambiente. Il nuovo polo si estende su una superficie di 228.600 metri quadrati
Render del progetto Città delle Scienze e dell’Ambiente. Il nuovo polo si estende su una superficie di 228.600 metri quadrati

Il raggruppamento dei soggetti affidatari dei lavori è formato da Itinera (capogruppo), Intesa Sanpaolo, Costruzioni Generali Gilardi di Torino, Euroimpianti e Semana, per il tramite delle Società di Ingegneria Proger e Manens-Tifs. Il gruppo si occuperà della progettazione esecutiva con l’impiego della metodologia fast-track (diversamente da quanto normalmente previsti nei lavori pubblici classici dove avviene in modo sequenziale). Rispetto al potenziale massimo dell’area (115 mila metri quadrati) è stato costruito circa il 53,5% della superficie utile lorda (61.635 metri quadrati) per complessivi 91.600 ordi coperti. Sono in corso studi ed approfondimenti per rendere la mobilità al nuovo insediamento ambientalmente sostenibile ed in linea con i migliori standard europei.

La Città delle Scienze e dell'Ambiente ospiterà i Dipartimenti di Chimica, di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi che, insieme all'adiacente complesso edilizio dei Dipartimenti di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari e di Scienze Veterinarie, concorreranno ad articolare un nuovo modello di Campus Universitario Metropolitano
La Città delle Scienze e dell’Ambiente ospiterà i Dipartimenti di Chimica, di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi che, insieme all’adiacente complesso edilizio dei Dipartimenti di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari e di Scienze Veterinarie, concorreranno ad articolare un nuovo modello di Campus Universitario Metropolitano

Il principio cardine della progettazione è l’integrazione della sistemazione delle aree verdi del parco universitario con il grande parco pubblico e la compenetrazione tra il verde e il costruito, creando un paesaggio di continuità in cui si ha l’Università nel verde, il verde nell’Università. Le soluzioni adottate, sono caratterizzate da colori, profumi e texture particolari, in grado di stimolare i sensi e far riscoprire ai fruitori il contatto con la natura. In particolare il Parco Urbano costituirà uno spazio ricreativo a contatto con la natura a disposizione dei cittadini e dei visitatori. Il progetto nasce dal Protocollo di Intesa tra Università degli Studi di Torino, Regione Piemonte, Città Metropolitana, Camera di Commercio, Politecnico di Torino e Comune di Grugliasco ed è finalizzato alla realizzazione di spazi per la didattica, per la ricerca, incubatori di imprese e spazi fruibili anche al pubblico. Il progetto prevede un investimento di circa 160 milioni, finanziato dal Gruppo Intesa Sanpaolo.
La Città delle Scienze e dell’Ambiente sarà raggiungibile con il treno (SFM 3), la metropolitana, le linee bus GTT e sarà dotata di oltre 1000 posti auto di cui 20 posti colonnine ricarica elettrica, 49 posti auto green, 49 posti carpooling/vanpooling, 26 posti per diversamente abili. Sono inoltre previsti diversi stalli coperti diffusi riservati allo stazionamento delle biciclette.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su accetta, o continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta Maggiori informazioni